Archivo para la Categoría » Decorazione della casa «

sabato, settembre 21st, 2013 | Author:

Una balconata dentro casa

Nel centro di Roma, l’intervento di una giovanissima progettista ha trasformato un anonimo monolocale in un allegro e originale appartamento di 67 metri quadrati. Come? Creando un soppalco per la zona notte, che si affaccia sul soggiorno sottostante come un balcone su una piazza. Le diverse aree funzionali hanno confini precisi, ma si aprono una nell’altra e non interrompono lo spazio. In questo modo vengono preservate funzionalità e vivibilità e, nonostante vi sia un’unica finestra, l’atmosfera d’insieme è tutt’altro che soffocante. Anzi, è decisamente vivace e ariosa.

giovedì, settembre 19th, 2013 | Author:

Luoghi di fascino e tradizione

La Francia, per chi cerca luoghi e cose di tradizione, continua a essere un luogo pieno di risorse. Nella casa di campagna dell’Anjou proposta in queste pagine, si può soggiornare e pranzare con i proprietari e apprezzare le originali terrecotte di un artigiano della zona.

domenica, settembre 15th, 2013 | Author:

Le finestre sul cortile

Questo appartamento si trova nel Sasso Barisano, uno dei due quartieri costruiti nel tufo che fanno di Matera una città unica al mondo, e occupa il primo piano, più una stanza-studio al livello superiore, di una casa del ‘600 «palazziata», nobilitata cioè con decori di pregio. E, con grande intuito, l’architetto Mattia Antonio Acito ha optato per una ristrutturazione prevalentemente conservativa.

venerdì, settembre 13th, 2013 | Author:

Demolizione & ricostruzione

Le piante qui accanto mostrano la distribuzione degli spazi prima e dopo la ristrutturazione eseguita dall’architetto Maurizio Lazzari. Originariamente l’appartamento (circa 90 mq) era composto da un lungo corridoio a «L» che disimpegnava gli ambienti con enorme spreco di spazio. A parte l’unico muro portante, tutti gli altri sono stati demoliti. La nuova disposizione, che recupera in gran parte la metratura del vecchio corridoio, comprende un grande soggiorno, una cucina non abitabile ma con un angolo per la colazione, due camere da letto, due bagni, un ripostiglio, una cabina-armadio.

mercoledì, settembre 11th, 2013 | Author:

L'oriente in citta

La parete di fondo, che separa questo ambiente dalla cucina, è una sorta di quinta disegnata da cinque antiche colonne in legno e una finestra decorata in bronzo. Tutto il materiale necessario per questo insolito allestimento, comprese le travi e le modanature degli archi, proviene dall’India ed è stato acquistato da Co.se.bro.

giovedì, settembre 05th, 2013 | Author:

La luminescente poesia dello stucco

Le superfici metalliche, e in generale quelle riflettenti, sono la chiave di lettura dell’arredamento, come si nota nella scala interna che collega i tre livelli. Il corrimano è ottenuto con una lastra metallica che, «nella morbidezza della leggera incurvatura, ricorda i biscotta’ lingua di gatto», commenta l’artista Gian-Carlo Montebello, prezioso collaboratore dell’architetto Anna Giorgi nella definizione di alcuni elementi di design. La balaustra è rifinita con stucco lucido (ottenuto grazie a una miscela di polveri di metallo e pigmenti colorati) che viene normalmente «tirato» e rasato. Qui, invece, se ne esalta la matericità, mettendone in rilievo le energiche spatolate. A enfatizzare l’insieme è una semplice lampada a sfera.

martedì, settembre 03rd, 2013 | Author:

Tre piani collegati, ma indipendenti

In una classica casa di ringhiera milanese tre minialloggi su altrettanti livelli sono stati riuniti in un’unica abitazione di 350 mq che, per il passaggio da un piano all’altro, sfrutta la vecchia scala comune. Nella radicale ristrutturazione l’architetto Anna Giorgi ha stabilito una razionale distribuzione degli spazi, in modo che ogni livello fosse indipendente dall’altro.
Al primo piano si trovano la zona dei servizi e le camere dei ragazzi; al secondo la zona pranzo, il soggiorno e la cucina (che diventa reale e simbolico punto di incontro tra figli e genitori), mentre l’ultimo piano è destinato alla camera matrimoniale, alla cabina-armadio, al bagno con sauna e allo studiolo. Nella zona giorno sono stati eliminati i divisori per creare un open space caratterizzato dal controsoffitto ondulato e dalle colonne.
La cucina, sviluppata lungo il muro cieco, è separata dalla living room da una quinta sinuosa.
La zona notte, ricavata nel sottotetto, comprende un ampio guardaroba passante che conduce a un altrettanto ampio bagno con sauna.

sabato, agosto 24th, 2013 | Author:

Cui nessun dettaglio è lasciato al caso

Molto particolare il controsoffitto costruito da Rosedil con la collaborazione dell’architetto Renato Melzi e formato da lastre di gesso irrigidito con della stoppa Manila. Spesse 2 cm e lunghe 3 metri, sono state modellate su un calco realizzato secondo il disegno prestabilito. Le lastre sono state poi incastrate con una maschiatura a coda di rondine e sospese a fili d’acciaio armonico calibrati per permettere gli assestamenti.

giovedì, agosto 22nd, 2013 | Author:

Tutti i colori del metallo

La superficie ondulata del controsoffitto bianco latte e i faretti lungo la parete curva trasformano il soggiorno in una gallerìa d’arte. Sobri i colori: il divisorio azzurro polvere è tinteggiato con pittura Velvety di Sikkens, il parquet è in faggio, mentre le poltroncine e i divani di Flexform sono rivestiti di blu. Il tappeto fine Ottocento è stato acquistato da Farsciran.

mercoledì, agosto 14th, 2013 | Author:

Intarsi d'ogni tipo

Bordi, cornici e riquadri a intarsio conferiscono preziosità al pavimento, come dimostra la lussuosa abitazione delle pagine precedenti, dove l’abbinamento è tra legno di teak e marmo statuario bianco. Per differenziare gli ambienti, creare percorsi e caratterizzare lo spazio, le possibilità compositive sono varie e ampia la scelta di materiali da accostare. Non solo quelli tradizionali, ma anche novità interessanti come la monocottura, che imita vena e formati del legno, e il gres porcellanato che sembra marmo.