Archivo para la Categoría » Decorare Pareti «

martedì, settembre 17th, 2013 | Author:

Virtuosa da sempre

È dal Settecento, quando è nato, che questo mobile, con discrezione e costanza, ha superato tendenze, stili e gusti diversi, senza mai cadere nell’oblio grazie alla sua funzionalità (si adatta anche a spazi assai ridotti), alla sua capacità di completare e decorare angoli o pareti altrimenti inutilizzabili e alla sua estrema versatilità nell’apparire tradizionale o minimalista, estroso o di design.

lunedì, agosto 12th, 2013 | Author:

Luminose pareti

Nato come riproduzione «povera» del marmo, lo stucco antico oggi è viceversa considerato una delle finiture a parete più preziose: è bello da vedere e, in più, traspirante e lavabile. Sono disponibili vari impasti, naturali o sintetici che, a seconda della composizione e della tecnica di posa (straccio, spugna…), creano effetti che vanno dallo spatolato all’encausto, al marmorino. Il costo al metro quadrato sta tra le 60 e le 150.000 lire (tinta unita o con effetti decorativi speciali), mano d’opera compresa. Ci sono poi prodotti completamente sintetici, come Aquaria Tre delia Castoro, che riproducono l’effetto dello stucco antico ma sono simili a una normale pittura: facili da applicare, hanno un prezzo contenuto.

lunedì, maggio 14th, 2012 | Author:

Si va dai trattamenti rustici delle pareti, con pitture tipo calce o con colore acrilico molto diluito e steso a straccio, ai trompe-l’oeil con pergolati e composizioni di fiori e frutti. I dipinti a tema realizzati su tavola o su tela, e inseriti in nicchie o sopra la porta, hanno il vantaggio di reggere ai traslochi. Mentre i poster, montati sottovetro e incorniciati, sono una soluzione economica.

martedì, aprile 03rd, 2012 | Author:

La Knauf, nota per i pannelli di cartongesso, ha di recente avviato una linea specifica per- il fai da te che spazia dai prodotti per il make-up delle piastrelle ceramiche ai pannelli da usare come contropareti o divisori da montare a secco. Ne è esempio la lastra isolante in gesso rivestito Top 2000 che si avvita ai profili metallici Knauf o a listelli di legno.

lunedì, marzo 26th, 2012 | Author:

Ecco come si procede: applicate una mano dell’ idropittura Oasi diluita al 30 per cento con acqua e, dopo che si è asciugata, passate la seconda mano, diluita al 5 per cento; l’ultima mano si stende con uno straccio di cotone ripiegato (per esempio un vecchio lenzuolo) che si intinge nel colore, si strizza bene e si usa tamponando la parete con tocchi delicati. Cambiate l’assetto del panno per evitare una trama troppo omogenea e procedete in maniera irregolare per evitare un disegno a righe.

domenica, marzo 25th, 2012 | Author:

Ormai è una tendenza generalizzata: le nuove pitture riproducono gli effetti decorative del passato, come dimostra la linea Maestri d’Arte che Boero Colori dedica al fai da te e nella quale spicca, anche per la facilità di realizzazione, la tecnica della cenciatura a mettere.

domenica, gennaio 08th, 2012 | Author:

L’angolo salotto, graziosamente arredato da Ombretta Attanasi con piccoli interventi, ma di sicuro effetto: una console in ferro battuto con piano di marmo e un sofà rivestito con tessuto indiano. Alla parete, una serie di piatti decorati (provenienti da un mercatino d’antiquariato di Messina) incornicia la natura morta su tavola di legno, bordata con passamaneria.

giovedì, dicembre 29th, 2011 | Author:

Tre sfumature di grigio per il rivestimento a mosaico del bagno (mm 20×20, Bisazza Mosaico). I lavandini sono i classicissimi Montebianco, prodotti da Sanitari Pozzi come la vasca da bagno Kelly. La rubinetteria è Epoca di Mamoli, mentre gli specchi Onda, il portasalviette e gli appendini cromati sono di Agape. Spugne di Bassetti, accappatoio a nido d’api e asciugamani in lino con frange di Bellora. Lampada da parete Spin, design Riccardo Dalisi per Oluce, con diffusore in vetro satinato. Spazzola e spugna di Coin, prodotti da bagno di Calè.

giovedì, dicembre 08th, 2011 | Author:

La ristrutturazione, seppure radicale, non ha violato lo spirito del luogo. I materiali utilizzati sono quelli della tradizione locale: pietra e intonaco rustico per le pareti, legno per travi e scale interne, mattoni a vista per sottolineare le strutture architettoniche (in particolare i grandi archi che segnano i passaggi da un ambiente all’altro) e mattonelle in cotto per tutti i pavimenti (tranne quello della camera da letto, dove la padrona di casa ha voluto concedersi il lusso trasgressivo di una morbida moquette).

mercoledì, dicembre 07th, 2011 | Author:

Ed è proprio in questi locali che Serena ha dato vita alla sua attività imprenditoriale: per qualche anno, lavorando con altre quindici donne, ha trasformato l’antica stalla in un laboratorio modello. Poi l’azienda, ingranditasi, è stata trasferita altrove, e una parte del laboratorio è divenuta cucina, l’altra studio. Al piano terra, oltre alla cucina e allo studio, c’è un grande soggiorno illuminato da finestre ad arco; al piano superiore le camere da letto ma anche, a sorpresa, un altro soggiorno d’atmosfera, quasi un boudoir dominato da un gigantesco camino rustico in muratura, coi mattoni antichi scuriti dal fuoco.